Arrivano i Topolazzi!!!

A Gallio, letture animate per i più piccolini.

Il 15 dicembre 2018 a Gallio (Vi), alle ore 16:00 in Piazzetta Giardini, si terrà la prima delle cinque letture animate preparate dai Burattimatti. Leggeremo Buon Natale Topolazzi, ovvero…

il primo libro curato da Alameda Project!

Buon Natale Topolazzi è un racconto di 32 pagine scritto da Enrico Matteazzi, già noto per Il Green Team e il tesoro delle cascate, e illustrato da Mirco Maselli, già co-autore di libri educativi per l’infanzia, oltre che disegnatore di centinaia di tavole per Lupo Alberto e Cattivik.

Per acquistare il libro chiedere a Enrico: matteazzi.enrico@gmail.com

Seguite gli aggiornamenti di Elsa sulla pagina facebook dei Burattimatti e visitate il blog www.burattimatti.com!

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 12: Un bacio… angelico!

La stregaccia rise osservando il diavoletto che aveva di fronte. Poi salì sulla sua scopa e volò via. Ciro rimase solo. Era arrabbiato e per sfogarsi prese a calci una vecchia barca di legno inutilizzata da chissà quanto tempo.

– Ahi! – fece una voce. Che fosse la barca? Per sicurezza Ciro diede un altro calcio alla barchetta.

– Ahi! – si lamentò ancora la voce. Ciro volle vederci chiaro, così si avvicinò di più. All’improvviso fece capolino una testolina bionda. La principessa si affacciò timida e con voce tremante disse: – Non farmi del male!
– Non voglio farti del male! – la rassicurò Ciro; quindi allungò la mano per aiutarla a scendere dall’imbarcazione.
– Che ci facevi lì dentro? – le chiese.
– Ti ho seguito. Cioè ho seguito te… cioè il principe… cioè… oh… che confusione!

Ciro sorrise divertito e la principessa sorrise a sua volta.

– Perché la strega ti ha trasformato in un brutto diavolo?
– Beh! A dire il vero, io sono un diavolo!
– Ma che dici? I diavoli stanno all’inferno.
–  Sì ma qualche volta vengono sulla Terra per compiere atti malvagi.
– E tu hai compiuto atti malvagi?
– Sì… no… In verità non ci sono riuscito.
– E perché?
– Ecco… mi sono ammalato.
– Ammalato?
– Sì, ho una brutta malattia.
− E che malattia è?
− La malattia… del cuore.

La principessa allora ribatté divertita: − Ma i diavoli non hanno un cuore!
− Appunto! – rispose Ciro − è per questo che sono malato!

La principessa appoggiò l’orecchio al petto del diavoletto, così sentì che, in effetti, qualcosa batteva. – Eh, sì! – concluse – mi sa che sei proprio malato!

Così dicendo gli scoccò un tenero bacio sulla guancia.

il bacio
Il bacio di Angelica – matite di Elettra Casini

E non appena le labbra di Angelica si furono posate sulla pelle ruvida di Ciro accadde una cosa straordinaria: in men che non si dica, il diavoletto si trasformò di nuovo e da diavolo ridivenne principe.

Angelica era contentissima. Lo prese per mano ed entrambi tornarono al castello, dove furono accolti dal sovrano che, grazie alle insistenze della figliola, ben presto perdonò Ciro per il suo cattivo comportamento. E così principe e principessa si sposarono e regnarono felici e contenti per molto molto tempo.

Divertiti a colorare Ciro e Angelica!

baciociro_bn
Clicca e stampa l’immagine da colorare!

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 11: I diavoli non hanno un cuore!

Appena saputo quel che era successo al castello, la strega Micillina andò su tutte le furie: prese la sua scopa e partì alla ricerca del diavolo che aveva osato tradirla.

Si era quasi persa a furia di cercarlo in lungo e in largo, quando a un tratto lo vide: stava al molo, seminascosto dalla nebbia. Una volta atterrata, la strega scaraventò per terra la scopa e, stizzita, tuonò: – Brutto diavolaccio dei miei stivali! Perché non hai ucciso la principessa come ti avevo ordinato?

Appena l’udì, Ciro si alzò e tentò di fuggire ma la stregaccia lo afferrò per un braccio. Quindi lo trasse a se e lo guardò bene negli occhi.

− Sarai mica innamorato?! – disse quasi sussurrando.
− Perché…? – chiese lui con voce tremolante.
Allora la strega toccò con il palmo della mano il petto di Ciro: − Perché – disse – i diavoli non hanno un cuore!
Ciro rimase un attimo ad osservare il proprio petto senza dire una parola. Fu allora che accadde una cosa che spaventò molto la strega: dentro al petto di Ciro qualcosa si era mosso!

Ciro a metà
Diavolo o principe? – matite di Elettra Casini

Intimorita, Micillina fece tre passi indietro; quindi puntò l’indice contro Ciro: – Piccolo traditore che non sei altro! – gridò – non farai mai più ritorno all’inferno! Resterai per sempre qui sulla Terra, ma non ti illudere: non sarai mai più principe!

A quel punto, la stregaccia sollevò le braccia al cielo e pronuncò una formula magica incomprensibile. Un denso nuvolone scuro si posò sul povero Ciro ritrasformandolo in diavolo.

Divertiti a colorare Ciro!

 

Ciro_metà_BN
Inserisci una didascalia

 

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 10: Il molo del povero diavolo

Ciro era volato via. E volò lontanto, lontano… finché giunse ad un vecchio molo di pescatori. Lì si sedette sulla banchina e si mise ad osservare l’acqua. Notò così il proprio riflesso e, nonostante l’immagine rimandata dall’acqua fosse splendida, Ciro vide solo il diavolo che era dentro di lui. Provava vergogna per la sua natura cattiva e per quello che avrebbe potuto fare a una creatura bella e buona come la principessa.

Un vecchio marinaio che passeggiava lì accanto si avvicinò a Ciro barcollando, con un fiasco di vino in mano. Raggiunto il diavoletto, con molta fatica gli si sedette accanto. Ciro lo guardò e pensò che se quel vecchio marinaio avesse realizzato di avere di fronte un diavolo, probabilmente sarebbe scappato urlando.

marinaio ubriaco
il marinaio ubriacone – matite di Elettra Casini

Invece quel marinaio rimase a fissare Ciro per qualche istante e poi, tra un singhiozzo e l’altro, disse: – Per la miseria… hic! …figliolo! Che brutta cera che hai… hic! Che ti è successo?
– Nulla.
– Non si viene al molo del povero diavolo per nulla… hic!
– Il molo del povero diavolo?
– Certo… hic! È qui che vengono le povere anime che cercano delle risposte. Io vengo spesso la sera. E con me viene anche il mio amico… – mostrò il fiasco di vino, – sai, gli amici sono importanti… hic! Vuoi essere mio amico?

Ciro stette un attimo a pensare: non sapeva il significato della parola “amico”. Lo chiese al vecchio marinaio e quello lo guardò un po’ stralunato, ma poi rispose: – Amico è una persona di cui ti fidi, che c’è sempre nel momento del bisogno. Come il mio fiaschetto di vino… hic!

– Amico – ripeté Ciro, – somiglia molto ad “amore”.
– Certo, hanno la stessa radice: amo… re, ami… co.
– Mm… – fece Ciro perplesso, – da dove vengo io quella è una brutta parola, non si può nemmeno pronunciare.
– Vieni da un posto brutto allora! Hic! 

Il marinaio si mise a ridere e non la smetteva più, tanto che il suo riso divenne contagioso e così anche Ciro iniziò a ridere, lui che non aveva mai riso in vita sua.

– Allora, amico mio, perché non mi racconti perché sei triste? – chiese il marinaio.

Ciro allora raccontò della sua missione, dell’incontro con la bella principessa e di come non avrebbe mai e poi mai potuto ucciderla. – Adesso però sto male – concluse il diavoletto – come mai?

Il marinaio bevve per l’ennesima volta dal suo fiaschetto e dopo sentenziò: – Amico mio… hic! …tu sei innamorato! …hic!

Divertiti a colorare il marinaio ubriaco!

 

marinaio_bn
Clicca sull’immagine e stampala!

 

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 9: La principessa, il veleno e la finestra

Come aveva detto Micillina, il re fece subito preparare un lauto banchetto in onore del principe Amìr di Abumàr. Alla cena prese parte anche la bellissima figlia del re.

Ora, è bene sapere che il regno oltre il bosco dei pini aveva una ferrea tradizione: la figlia del re in età da marito doveva passare un periodo chiamato “inverno bianco” nel quale non poteva mostrare il proprio volto in pubblico. Quella sera la bella principessa indossava, per l’appunto, un velo candido come la neve che le lasciava scoperti solo gli occhi.

Senza farsi notare, il principe Amìr versò il veleno nella coppa di vino della principessa e glielo porse. Lei guardò il finto principe stringendo gli occhi a mandorla, e fu allora che Ciro ebbe la strana sensazione di averla già incontrata. Poi, all’improvvisò capì.

Ciro - finto principe
Il finto principe – matite di Elettra Casini

– Ferma, non bere! – gridò strappando la coppa dalle mani della principessa; quindi la gettò lontano. Spaventata da quel gesto inaspettato, la povera ragazza cacciò un urlo. Il re suo padre accorse immediatamente per vedere che stava accadendo.

Le guardie reali erano pronte ad arrestare chi aveva osato far urlare la bella principessa. Preso dal panico, Il principe Amìr corse alla prima finestra che vide, la spalancò e, senza pensarci due volte, si buttò dall’altra parte.

Divertiti a colorare il principe Amìr!

principe_biondo_bn
Scarica l’immagine e stampala!

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 8: Chi non conosce il regno di Abumàr?

Una volta giunto al castello, Ciro si fermò davanti all’enorme portone d’ingresso, bussò e attese. Ben presto un omaccio grande e grosso si affacciò e chiese: – Chi va là?

– Sono il principe Amìr di Abumàr. Devo vedere il re.
– Oh, principe Amìr, quale onore! – finse stupore l’altro, che in realtà non aveva mai sentito nominare né il principe né il suo regno, ma di certo non voleva fare brutta figura!

Il portone dunque fu aperto e il principe fece il suo ingresso nel cortile del castello e fu accolto dal re in pompa magna.

– Principe Amìr, quale onore! – lo salutò re Goffredo nella sala del trono. – Prego, avvicinatevi!
Il (finto) principe fece un profondo (e finto) inchino: – Buongiorno, mio re!

– Da dov’è che provenite, o principe? – chiese il sovrano.
– Da un paese dell’Oriente, maestà – rispose l’altro.
– Oooooh! – fece il re estasiato.
– Oooooh! – fecero eco i suoi sudditi.
– E com’è che si chiama questo paese d’Oriente? – chiese ancora sua maestà.
– Abumàr, vostra grazia – rispose il (finto) principe.

re Goffredo
Il re Goffredo – Elettra Casini

Il re, che non aveva mai sentito un regno con quel nome, siccome non voleva fare brutta figura di fronte ai suoi sudditi, dopo aver mostrato il più ampio dei sorrisi, si affrettò a dire: – Oh! Sì, certo! Chi non conosce la meravigliosa terra di Abumàr!

Divertiti a colorare il re!

 

il_re_bn
Clicca l’immagine e stampala!

 

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 7: La fanciulla nella radura

– Ah! – esclamò la strega – lo sapevo che avrebbe funzionato!
Corse quindi a prendere un enorme specchio polveroso e lo mise davanti a Ciro.
– Ecco qua! Ora sei il principe Amìr di Abumàr!

In effetti, Ciro adesso era proprio un principe, con tanto di vestito sontuoso, lungo mantello e un turbante azzurro sulla testa. La strega Micillina gli diede anche un bellissimo cavallo bianco con il quale il neo principe cavalcò oltre il bosco di pini, fino a raggiungere una radura. Lì Ciro scorse una fanciulla intenta a raccogliere margherite.

 

Angelica
La bella Angelica – matite di Elettra Casini

Il volto della ragazza era illuminato dal timido sole del mattino che la rendeva bella perfino agli occhi di un diavolo. Infatti Ciro sussultò un pochino quando la raggiunse, e lei, non appena lo vide arrivare, si sistemò i lunghi capelli biondi che le coprivano parte del volto.

Era bellissima e Ciro all’improvviso sentì qualcosa battere nel petto, una cosa che il diavoletto non aveva mai avvertito prima. Chi lo sa che cos’era…

La fanciulla sorrise stringendo gli occhi, un gesto che il diavoletto Ciro avrebbe ricordato a lungo.
– Dove vai, mio bel principe? – chiese lei.
– Devo andare al castello – rispose lui – sapresti indicarmi la strada?
– Prosegui per questa radura – disse la fanciulla puntando il dito alla sua destra – laggiù c’è un sentiero che ti condurrà al castello.

Prima di andare, Ciro volle chiedere alla fanciulla il suo nome. Lei sorrise ancora e, dopo una breve pausa, rispose: – Angelica.

Divertiti a colorare Angelica!

principessa_bn
Clicca l’immagine e stampala!

Ciro: anche i diavoli hanno un cuore

Capitolo 6: Una pozione non proprio perfetta

La strega indicò a Ciro l’enorme pentolone al centro della stanza. In quel pentolone bolliva una brodaglia nauseabonda. Micillina vi intinse un grosso mestolo di legno e ordinò al diavoletto di bere e subito dopo ripetere tre volte la formula magica:

Maramao maramò,
un principe diverrò!
Maramao maramello,
il principe più bello!
Maramao maramurro,
un bel principe azzurro!

Ciro afferrò il mestolo e, con gran fatica, trangugiò la brodaglia e dopo ripeté per tre volte la formula magica, però non accadde nulla. Forse la quantità di pozione non era abbastanza. Micillina strappò il mestolo dalle mani di Ciro e lo intinse di nuovo nel pentolone. Il diavoletto bevve ancora, ripeté la formula, ma non accadde un bel niente.

il calderone della strega
Il calderone della strega Micillina – E. Casini

Micillina iniziò ad innervosirsi. – Non capisco – si lamentò – avresti dovuto trasformarti in un bellissimo principe azzurro.

Ci riprovarono una terza, una quarta, una quinta volta, finché il pentolone fu svuotato del tutto. La faccia di Ciro, intanto, da rossa divenne blu, poi gialla, poi verde… e gli venne un terribile mal di stomaco.

Divertiti a colorare Ciro!

calderone_bn
Clicca sull’immagine e stampala!

Storia di una storia

Vi racconto una storia: la storia di una storia.

Tre anni fa, nel 2014, pubblicai un volumetto dal titolo un po’ strano, trattandosi di una fiaba per bambini. Si chiamava: Piano piano, porta a porta.

piano piano porta a porta
Piano piano porta a porta, L.Editrice, ISBN 9788898778010

Scrissi questa storia di 15 pagine nel 2010 per un concorso letterario di cui ricordo solo il tema: “la porta“. Mi sembrava un po’ banalotto come tema; all’epoca si impazziva per Le cronache di Narnia. A me però la porta dell’armadio verso altri mondi mi pareva sempre lo stesso cliché ripetuto allo spasmo. Così proposi una cosa diversa.

Pensai ad una storia ben calibrata, in cui la porta non era altro che il pretesto per raccontare un percorso. Il principe deve raggiungere la principessa ma si trova di fronte a una, due, tre porte chiuse. Davanti ad ogni porta c’è una persona che soffre e che dice dice sempre la stessa frase: “Questa porta è chiusa e non v’è chiave che la apra, né spranga che la forzi”.

 

Di fronte a una porta chiusa molti si girano e tornano indietro senza salutare; invece il principe rimane, si siede e parla con chi ha bisogno di essere ascoltato.

Pensai che una storia così poteva insegnare i valori dell’ascolto e della pazienza. La fiaba stessa è lunga, eppure è avvincente! Pensai: “questo è un capolavoro”. Era una storia bella perché era autentica, era mia. Non era frutto di un cliché. Era quello che avevo dentro… quello che avevo da dire, da insegnare.

Persi il concorso. Non arrivai nemmeno fra i primi 20.

Allora feci leggere la fiaba ad uno scrittore e mi venne consigliato di scrivere in modo diverso. Ma io non volevo scrivere in modo diverso! Secondo me quella storia era scritta bene. Allora la feci leggere ad un’amica che studiava illustrazione, che di bambini se ne intende. Forse questa volta…

Troppo classica“, mi disse. “Non funziona una storia così”.

Non capivo: la mia amica mi aveva detto che non funzionava. Mi disperai e chiusi la fiaba in un cassetto con la malsana idea di lasciarcela per sempre. Mi convinsi che una storia così non interessava a nessuno, che era scritta male, che in fin dei conti era troppo classica.

Poi, nel 2013, per caso mi imbattei nel file piano_piano_porta_a_porta.doc.  Lo aprii e iniziai a leggere la fiaba che avevo scritto tre anni prima. Me ne ero completamente dimenticato. Non riuscivo a scollare gli occhi dal testo. Dovevo assolutamente leggerla tutta. Ma l’avevo scritta io??? Ma… aspetta un minuto! Non era “la storia che non funziona“? Ma allora perché diavolo a me piace così tanto leggerla?

Forse non funzionavo io, o forse mi mancava qualcosa. Presi il cellulare e chiamai Valeria Rambaldi. Le chiesi se aveva voglia di illustrare una storia e che, ovviamente, l’avrei pagata. Lei disse di sì.

Così la fiaba fu illustrata da Valeria. E per la miseria se mi piacciono quelle illustrazioni!

Poi arrivò la pubblicazione con L.Editrice. Ci siamo, pensai! Con le illustrazioni di Valeria, la fiaba funzionerà… è fatta!

Non funzionò. Perlomeno non bene come speravo. Ricevevo critiche del tipo: “il testo è troppo denso“, “la storia è classica“; “è una fiaba” (la critica finiva lì, giuro!).

Passarono due anni. Nel frattempo i bambini leggevano e mi chiedevano: “quando ne scrivi un’altra?”, E improvvisamente capii: non erano i genitori che dovevo catturare, ma i bambini!

Iniziai a regalare la fiaba a destra e a manca. I bambini piccoli piccoli se la facevano leggere dalle mamme prima di addormentarsi. Qualcuno, dopo che i bambini l’avavno ascoltata più volte, volle pagarmela assolutamente. “Va bene”, dicevo io, “sono 5 euro“. “Così poco?“, mi chiese una mamma. “Sì”, rispondevo io. “Mi basta coprire le spese di stampa“.

Sono passati tre anni esatti dalla pubblicazione. Più di mille copie hanno preso il largo. Per andare chi lo sa dove… Ma oggi una mamma è entrata in ludoteca con le due figliole e con il più grande dei sorrisi mi ha detto che il mio libretto era bellissimo.

Alcune persone trovano un libro bello, altre no.
Ma i valori positivi che vi sono racchiusi restano dentro,
come un sorriso ti resta nell’anima. 

Se ne volete una copia, scrivetemi dalla pagina CONTATTI.

Grazie,

Enri

 

 

 

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: