FumettoGame!

Il fumetto del Ventunesimo secolo

Coinvolgere un giovane lettore tramite un fumetto non è difficile. Imparate le tecniche base del coinvolgimento emotivo, ci basta fare leva sulla tensione narrativa e sull’impatto grafico… o no? A dire il vero, forse no. Oggi c’è bisogno di qualcosa di più. Il gioco è la chiave che apre le porte della passività e spalanca il cancello della partecipazione attiva.

Tu sei Deadpool


In un mondo dominato dalla Rete (con la “R” maiuscola) dove tutto è immagine, movimento, ma soprattutto Partecipazione (con “P” maiuscola), anche il Fumetto (con la “F” maiuscola) come medium non basta più.


Trasformare un fumetto in gioco

Quello del fumetto-game potrebbe in effetti rivelarsi un mercato interessante per le case editrici “audaci” come Panini Comics. Il “primo” esperimento (uso le virgolette perché prima probabilmente ce ne sono stati altri) è stato prodotto dalla Panini nel 2018.

Il personaggio principale ovviamente è Deadpool… oppure tu? Sì perché il famoso supereroe della Marvel, assolutamente fuori da ogni schema classico, si rivolge al lettore e gli chiede di aiutarlo, di scegliere per lui le azioni da compiere.

Un meta-personaggio in una meta-narrazione

Io Deadpool lo definisco un meta-personaggio perché spesso parla di sé in terza persona oppure esce dalla narrazione per rivolgersi al disegnatore del fumetto, al regista di turno… ecc.

Però dentro il fumettogame questo eroe assurdo si muove in una meta-narrazione: per esempio, c’è una tavola in cui i personaggi sfogliano lo stesso fumetto che tu stai sfogliando, e lo nominano pure! Geniale.

Già di per sé Deadpool è un personaggio che se vuole esce dalla storia e si rivolge al pubblico senza bisogno del gaming; tuttavia è nel fumettogame che la caratteristica “meta-“ emerge in maniera esagerata, esasperata al punto che tu, o lettore, te ne freghi della trama e segui le cavolate che ti racconta il protagonista. Perché dai, diciamocelo, ci piace leggere e vedere Deadpool soprattutto perché la sua caratteristica di gran cazzaro! 😀


Le domande Alamediane di oggi:

Avrà un futuro il fumettogame?
C’è un modo per trasformare i fumetti interattivi in qualcosa di ancora più complesso?
Forse sì… ma è un’altra storia questa, e andrà raccontata un’altra volta. 


L’intervista del mese

Ricordo a tutti che Mauro Longo sarà ospite di Alameda Project domani, ma l’intervista verrà pubblicata in modalità Première di su YouTube lunedì 11 marzo, ore 18.15.

Stay tuned! 😎

The GameBook (R)evolution!

Libri-game: rinascimento o fuoco di paglia?

Come vi avevo anticipato lunedì scorso, il mese di marzo si apre con un interessante approfondimento sui libri game. Ci interessa capire di più a proposito di un medium, il libro-gioco appunto, che è interattivo perché mette al centro il lettore in qualità di decision maker.

Intervisteremo Mauro Longo, esperto giocatore e appassionato del genere, che ci aiuterà a capire che cos’ha rappresentato il fenomeno libro-game in Italia negli anni d’oro e quali sono le prospettive di mercato per questo particolare genere editoriale.

Chi è Mauro Longo?

Ha scritto e curato romanzi, racconti, antologie, librogame, saggi e giochi di ruolo. È stato anche archeologo, direttore di scavo e di museo, giornalista, blogger ed esperto di social media.

Il ciclo del Mondo Macabro comprende, tra le altre cose, i due romanzi Decameron dei Morti e Guiscardi senza gloria, le linee di giochi di ruolo Dies Irae e Ultima Forsan, e i librogame della serie Acchiappamorti.

Altre sue pubblicazioni sono legate ai giochi di ruolo Imago Mortis, Tropicana, Strange Magic, Kata Kumbas Edizione Selvaggia, Nemezis, Beasts & Barbarians, Necessary Evil, ETU e Lex Arcana.

I suoi lavori sono tradotti in inglese, russo e spagnolo.

Il Quadrilatero del Libro-Gioco. Mauro parla del Modena Play 2019

La domanda Alamediana di oggi:

Il librogame riporterà le persone in libreria, oppure è la classica moda di ritorno, passeggera e presto finita?


Il libro-game divenne di moda nel corso degli anni ’80 e si pensava che volumi come Lupo Solitario avrebbero riscosso successo per molti e molti anni; in Italia però il fenomeno ad un certo punto si affievolì e si spense. Oggi sembra che qualcosa si stia ri-accendendo: ma si tratta di una nicchia di trentenni nostalgici, oppure si può effettivamente ragionare su un settore di mercato?


Web 2.0 e nicchie di consumo

I Social Network danno potere alle nicchie di consumo. E le nicchie riportano in auge vecchi ricordi, come il caro vecchio vinile, facendo rinascere interi segmenti di mercato che si pensava perduti.

L’Italia al centro del fenomeno

L’Italia, da sempre terra di artisti, scrittori e poeti, sta emergendo come luogo di sperimentazione. Qui da noi i libri interattivi assumono forme selvagge, creative… eclettiche. Dopotutto, forse siamo davvero alle soglie di una vera e propria rivoluzione.

Molti autori italiani scelgono di sperimentare in via autonoma e indipendente forme nuove di librogame cartaceo.

Ad esempio, l’illustratore Francesco Mattioli decide di autoprodurre un libro-gioco dove il testo non esiste e sono le immagini a parlare.

Shelby (è appena uscita la seconda avventura, vedi figura qui sopra) è una storia illustrata bianco/nero dove il protagonista sei tu, un simpaticissimo topolino bianco la cui missione è infilarsi in situazioni assurde e ambienti pericolosi.

Come funziona? Facile! Basta seguire le indicazioni delle frecce… I bivi sono tantissimi e divertentissimi. Molto simpatico e adatto ai più piccoli, un vero e proprio invito alla scoperta. Provatelo!

Alla prossima!

Progettando il futuro

News!!!

News!!!

News!!!

Mentre siete in vacanza al mare, o in montagna, a seconda delle preferenze, in casa AP ci si è dati un gran daffare. Insieme alla mia mitica squadra di super eroi, stiamo lavorando ai libri partecipati, ma non solo. In cantiere ci sono progetti ambiziosi che riguardano la scolastica e l’editoria.


Alameda Project

alamedaproject.com

non solo idee, sogni.

Non c’è solo un logo dietro Alameda, c’è anche un’idea di impresa, e poi ci sono io, Enrico Matteazzi, Isnstructional Designer e Content Developer.

Mi occupo di formazione, in particolare di formazione online, wbt per conto terzi. Questo mi permette di sbarcare il lunario, come si dice, e di mettere via qualche soldino per avviare un progetto più grosso: un’azienda, appunto.

Vorrei mettere in piedi un’azienda innovativa, più precisamente uno studio di progettazione multimediale che si occupi di libri aumentati e prodotti multimediali per l’infanzia ed il settore scolastico.


E-learning

il mio core business

Per ora l’e-learning rimane il mio core business. Lavoro con clienti di grande spessore: aziende nazionali e internazionali che abbisognano di personale qualificato per realizzare corsi di aggiornamento elearning rapidi ed efficaci. La formazione via internet è in forte espansione. Questo perché essa consente un notevole risparmio di denaro e di tempo.

Avremo modo di parlare di questo e altri argomenti affini. E se volete potete anche contattarmi per maggiori informazioni. Sarò lieto di rispondere ad ogni vostra richiesta nel modo più celere possibile.

contatti

Enrico Matteazzi. Foto by Giovanni Dalla Gassa
Enrico Matteazzi, ID e Content Developer per Mosaicoelearning

mosaico_logo

Altre aziende per cui sto collaborando:

 

Libri partecipati & co.

Enrico MatteazziUltime news dal mondo AP!

Il gioco dell’oca, by Alameda Project

Buongiorno internauti, lettori, semplici curiosi, ma soprattutto… giocatori free del Gioco dell’oca!

oca4
#giocodelloca

Il Gioco dell’oca di Alameda Project sta spopolando!!!

Sono sempre di più le persone che accedono e giocano gratis a questo semplice giochino progettato per due giocatori, che sarà pure gratuito ma dietro nasconde ore e ore di lavorazione.

D’accordo, forse la grafica è quello che è, ma faremo la versione per cellulare più smart, d’accordo? State con noi per vedere gli sviluppi.


Libri partecipati

Un appello ai creativi italiani, ma non solo!

Sul fronte Libri Partecipati, in questi mesi non ho perso tempo e ho contatto diversi esperti in Gamification e Copywriting; inoltre sono andato alla ricerca di creativi di ogni tipo, italiani e stranieri: grafici professionisti, illustratori, esperti in motion graphics, musicisti e compositori, ecc.

zero alfa

Per creare qualcosa di unico c’è bisogno di menti creative. Vorrei creare qualcosa di davvero speciale. Lo chiamo Libro Partecipato ed è un nuovo medium che racchiude in sé delle potenzialità enormi anche per la scolastica.

Contattatemi per saperne di più:

 

Profilo LinkedIn

Pagina Facebook

Vuoi che impari? Coinvolgimi!

Il sogno di un ID

Il corso perfetto

Che cosa ci vuole per creare un corso e-learning davvero efficace? Sintesi? Uno storytelling efficace? Basta inserire qui e là qualche interazione per “svegliare il discente che dorme”? Secondo me c’è qualcosa di più e in questo post cerco di introdurre il tema nel modo più semplice possibile.


La formula magica dell’insegnamento

blueprint-company-concept-7366

Sono un tipo curioso, lo sono sempre stato, e questa è una fortuna ma anche una maledizione. Sì perché da quando ho iniziato a occuparmi di e-learning, circa sette anni fa, il mio obiettivo è sempre stato arrivare al corso perfetto; ma è chiaro che questo obiettivo è impossibile da raggiungere: è un asintoto verso cui si tende, ma che non si può raggiungere. Eppure, vale la pena cercare di raggiungerlo.

Sì, ma come si fa? Ora ve lo spiego.

Quand’è che uno studente mostra interesse e desidera ardentemente seguire un corso (di qualunque tipo)?

La risposta è più semplice di quel che pensate: lo studente partecipa volentieri ad un corso e-learning se sa che si divertirà, ovvero se il corso lo stimolerà, cioè lo coinvolgerà emotivamente con associazioni positive.

Belle parole… ma come si fa?

Una soluzione è trasmettere la passione per l’argomento: insomma, se l’argomento appassiona il docente, è molto probabile che quest’ultimo trasmetterà il proprio spiccato interesse per la materia ai suoi discenti. Nell’e-learning però la faccenda è più complicata, perché spesso lì il docente non c’è. Ci sono solo i CONTENUTI.


I segreti di un ID con le mani in pasta

activity-art-art-class-730807

Siamo andati tutti a scuola e ci ricordiamo bene quali professori erano più capaci di trasmettere la propria materia e quali altri, invece, ti provocavano nient’altro che sonnolenza. Ma perché i primi riuscivano meglio dei secondi? Ne sapevano di più? Non è detto… Allora forse erano più bravi a spiegare? Può essere, ma questa mi pare una condizione necessaria ma NON sufficiente.

Ho studiato per anni le tecniche di progettazione e-learning e ancora le sto studiando. Essendo un tipo creativo, mi piace imparare e poi mettere insieme le conoscenze apprese, da più settori apparentemente incompatibili. Ad esempio, secondo me la soluzione al problema dell’insegnamento efficace passa per il teatro e per il mondo dell’infanzia.

Energia è passione!

Per proporre un servizio e-learning di qualità la prima cosa è la passione per il proprio lavoro; ma ci vuole anche una componente di energia: creare della tensione, che va dal contenuto verso il discente. Senza queste due componenti, non c’è coinvolgimento.

Un’altra variabile importante è l’ambiente di lavoro: troppo stress, ma anche troppe distrazioni, portano ad un abbassamento della resa creativa. In effetti, per progettare un corso di formazione (in LMS – Learning Management System, ma non mi riferisco alle aule virtuali) serve molta creatività. E la creatività, che vi piaccia o no, è legata a doppio filo con il divertimento.

Insomma, l’ID che si diverte crea i corsi migliori: gioca con la progettazione. Ma attenzione! Per lui, o lei, il lavoro è gioco, ma è pur sempre lavoro, non lo dimentichiamo mai.


Le magnifiche sette!

Vi lascio con 7 domande che dovreste fare a voi stessi prima di iniziare la progettazione di un corso e-learning:

  1. Lo seguo volentieri questo corso o mi viene da dire “che noia…”?
  2. Ci sono troppe cose scritte?
  3. Come posso sintetizzare le informazioni?
  4. Posso trasformare il testo in immagini e/o animazioni?
  5. Mi viene voglia di cliccare il famoso tasto “avanti” alla fine di una slide, oppure la vivo come una imposizione?
  6. Che cosa manca in quella slide che non mi convince?
  7. Che cosa c’è di troppo in quella slide che non mi convince?

Mi chiamo Enrico Matteazzi

Enrico Matteazzi avatar

Lavoro come Instructional Designer per realtà dell’e-learning di livello internazionale che stanno cambiando il modo di fare formazione in Italia. Ho anche un’altra attività: mi occupo di bambini. Per loro costruisco burattini e creo spettacoli originali e a tema per eventi e feste di compleanno. Inoltre sto lavorando a progetti multimediali interattivi per bambini e ragazzi: i libri partecipati. Saranno presto realtà.

Continuate a seguire il blog e la pagina Facebook di AP!


Io e Karumi stiamo lavorando al primo libro partecipato della storia!

Clicca sull’immagine e scopri di più.

zeroalfa copertina

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: