Are you black… or white?

Zero Alfa, la storia continua!

I primi tre capitoli di ZERO ALFA hanno suscitato interessi e critiche, e  questo rende onore al lavoro mio e della bravissima Carolina Sorgato, alias Karumi Soroku, la fumettista padovana uscente dalla Scuola Internazionale di Comics che sta facendo di ZERO ALFA qualcosa di vivo, di unico… di magico!

cap15_01

Alameda Project non si ferma mai!!!

Stiamo ultimando i capitoli centrali che vorremmo proporre a grandi editori internazionali sottoforma di app in Beta Version.

Questa versione Beta riguarderà i capitoli centrali, dove i bivi della storia si fanno cruciali: la scelta nei capitoli sarà costantemente tra la vita e la morte dei personaggi, in un crescendo di tensione che culminerà con un gioco finale che è una vera e propria bomba a orologeria!!!

Riuscirai a trovare la porta di uscita dalla
bolla intertemporale prima dell’annichilimento? 


Ci sarà anche la lingua inglese nella prima app Zero Alfa

Il libro partecipato di AP verrà tradotto in inglese direttamente per l’app Beta. Sarà questa l’occasione per provare ad uscire dai confini italiani.


Occhio ai libri game!

Dopo questo progetto di libro partecipato, vorrei addentrarmi di più nel mondo dei libri game. Mi piacerebbe creare delle app con edizioni note, autori riconosciuti da rilanciare sul mercato attraverso il digitale – via PC, tablet e smartphone – in maniera aumentata e interattiva.

cavaliere04_post

Chiediamo la collaborazione di appassionati e creativi. Non sono escluse forme di collaborazione di qualunque tipo. Per il momento, vi chiedo di mettere un piccolo like sulla nostra bella paginetta Facebookcosì rimarrete aggiornati. A presto!


Follow us… off the road!  ^_^

Zero Alfa, dove tutto ha inizio

La rivoluzione dell’editoria è già cominciata!

Si chiameranno libri partecipati. Saranno prodotti di editoria multimediale, assolutamente innovativi e totalmente Made in Italy. Saranno visibili da PC, smartphone e tablet con una connessione internet, ma Alameda Project intende lanciarli sul mercato già nel 2018 come app scaricabili da Google Play e store simili.

L’origine di tutto è un punto nello spazio-tempo

Il primo libro partecipato (un contenuto del tutto originale) è già in produzione e il titolo non è per niente casuale. Si chiama infatti Zero Alfa, nome in codice per definire un punto nel continuum spazio-tempo di importanza cosmica.

La storia cattura, è avvincente, in una parola: coinvolge. E, come nelle più moderne visual novels, i punti di svolta sono in mano al lettore che può decidere cosa far fare al protagonista.

scelta_cattura

…e non finisce qui!

Sì perché i libri partecipati al loro interno contengono dei giochi in cui risolvendo enigmi o aiutando i protagonisti a scappare, si devono guadagnare punti sufficienti a proseguire con la narrazione.

La trama

Marvin è un trentenne insoddisfatto della propria vita. Una sera nel pub dove lavora entra Cristina, una ragazza molto carina di cui Marvin si innamora a prima vista. Quello che lui non sa, però, è che ci sono oscuri personaggi che lo spiano. L’incontro con Cristina non era casuale perché determinerà il corso dell’intero continuum spaziotemporale… Dipenderà tutto dall’effetto farfalla: piccole variazioni, scelte apparentemente insignificanti nelle mani di Marvin, Cristina… e un tizio con un cappello.

cristina_cattura

I disegni sono di Carolina Sorgato alias Karumi Soroku. Seguite il blog e la nostra pagina Facebook per ulteriori aggiornamenti!

Buona vita a tutti! ^_^

Genesi

(in copertina: stralcio di fumetto di Carolina Sorgato alias Karumi Soroku)

Allacciate le cinture! Siamo sull’orlo di un salto quantico (termine che non vuol dire assolutamente nulla, ma che mi piace quindi lo uso).

Che sta succedendo?

Nell’ultimo anno abbiamo preparato il terreno che darà i natali, nel 2018, ad una nuova start-up. Proprio in questi giorni sono entrato in contatto con delle persone speciali, tra cui una nuova, giovane e bravissima illustratrice, che mi aiuteranno a creare delle app uniche dal design spettacolare. E tra le app, ovviamente, ci sono i libri partecipati!

Grafica e disegni spettacolari!

Vi ricordate il prototipo di libro partecipato, Zero Alfa? (se non sapete di che parlo, cliccate qui) Vogliamo che sia la nostra prima perla. Per questo lo riprogetteremo sotto una veste grafica totalmente diversa.

L’ispirazione: Visual Novel e altre perle dalla Rete

Di recente ci hanno consigliato il canale di Nekucciola, che in effetti non conoscevamo, ma che contiene molte cosette interessanti, una su tutte è una storia a puntate dal sapore nipponico che si chiama Kureiji. Vi metto i primi due episodi. Sono brevi e molto carini. Guardateli:

Partecipazione: ecco due approcci innovativi

Video Novel (?)

In questo post vi abbiamo mostrato un approccio emergente tra i giovani disegnatori che si ispirano al mondo Manga. In queste – come le vogliamo chiamare? – “Video Novel” funziona così: guardi il video e voti il prosieguo della storia. Poi the majority rules e la prossima puntata segue il trend.

Visual Novel

Nel Visual Novel l’idea è simile, ma si avvicina di più al libro digitale, o meglio al libro aumentato. Nella Visual Novel è possibile mixare audio e video, anche se il più delle volte, più per sopperire agli alti costi che altro, ci sono solo testi accompagnati da immagini più o meno accattivanti. Qui vedete un esempio:

visualnovel1

Nella Visual c’è una grafica d’impatto e conta la narrazione scritta. Questo perché di solito i dialoghi doppiati non sono previsti. Ma c’è quasi sempre un sottofondo musicale adeguato al momento narrativo.

L’importante è partecipare!

Il futuro dei libri è la partecipazione. Un libro che quando lo leggi ti fa entrare nella storia, ti rende parte di essa: è quello che ti dà la possibilità di scegliere. Noi crediamo in questa nuova forma di lettura. E punteremo lì le nostre fiches.

Appuntamento al 2018!

Anticipazioni…

Visto che non riesco a stare fermo con la penna (che ferisce più della spada), ecco delle anticipazioni su pubblicazioni future. Ciaaaaaaooooo!!! ^_^


Il medaglione

Un uomo col cappuccio in testa si muove faticosamente tra i viottoli del centro di una città perduta nel tempo. Piove a dirotto e la sua mantella è fradicia. “La miseria…”, va imprecando, “non ho più l’età per queste cose!”.

È molto tardi. Nessuno osa uscire di casa dopo il coprifuoco, tuttavia l’uomo incappucciato non può fare quel che deve alla luce del giorno.

Cerca di muoversi veloce: non deve far tardi all’appuntamento con Colui che ha la Risposta. Raggiunge un lampione e vi si appoggia con la mano, per rifiatare. La luce fioca della lampada a olio illumina parte del suo volto barbuto solcato dalle rughe.

Sotto la luce del lampione, l’incappucciato estrae dalla tasca un medaglione con impresso un simbolo esoterico. Lo ha veduto spesso ultimamente. Per quelli come lui significa “speranza”.

Un rumore lo fa sussultare. Forse è un gatto, ma è meglio muoversi. Percorre l’ultimo vicolo buio percorso da un vento gelido. Fa freddo, troppo freddo per i suoi gusti e la mantella bagnata ad ogni passo si fa sempre più pesante.

portone1 

Finalmente, ecco l’enorme portone di legno che stava cercando. Davanti ad esso, tre scalini. Ancora tre piccoli ostacoli lo separano dalla Conoscenza. Il primo è facile da superare; il secondo un po’ meno, ma il terzo… è il più difficile, il più pesante. Alla fine, però, l’uomo incappucciato raggiunge il portone. E ora non rimane che bussare.

“Chi sei?”, chiede una voce cavernosa.
“Nessuno”, risponde l’uomo.
“Chi è con te?”
“Tutti.”

Passano nove lunghi secondi e poi, all’improvviso, la porta si apre cigolando.

 

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: