Zero Alfa: capitolo 10

 

Ti va un milk-shake?

Illustrazioni: Elettra Casini
Testi: Enrico Matteazzi

“Sono pronta!”, esclamò Cristina.

Mentre veniva verso di lui, ondeggiando sui fianchi, Marvin la osservò estasiato. Era bellissima. Vestiva casual: felpa rosa, un paio di jeans aderenti e delle scarpe da ginnastica bianche.

Andarono a prendere un milk-shake vicino a Central Park. A detta di Cristina, era il migliore della città. Arrivarono al locale, ordinarono e si sedettero al primo tavolino libero.

Fu lei a rompere il ghiaccio: “Allora, da dov’è che vieni di preciso?”, chiese.

“Sono nato a Chicago”, rispose lui, “mio padre è di lì, mia madre invece è italiana.”

“Bello! L’Italia…”

“Già… e tu invece? Sei originaria di qui?”

“Eh, sì! Sono una newyorkese purosangue. Vivo qui da quando sono nata…”

Lei continuò a parlare, ma Marvin smise di ascoltarla. Era attratto dai suoi capelli lunghi che le cadevano lenti sulle spalle, quasi volessero proteggerle.

“Ehilà!”, fece a un tratto lei per riportarlo alla realtà. “Ti ho chiesto se hai la ragazza.”

“Come…?”, rispose lui, “la ragazza…? Ah! Beh… no.”

“No…?”

I milk-shake erano pronti. La cameriera li consegnò e se ne andò quasi subito, senza dire una parola. Marvin e Cristina si guardarono negli occhi e scoppiarono a ridere. Nessuno dei due sapeva perché, ma erano felici.

Uscirono dal locale e si avviarono a Central Park. Una volta lì, camminarono un po’ tra i sentieri, chiacchierando del più e del meno.

“E tu?”, provò a dire Marvin, “sei impegnata?”

“Mm… sì e no.”

“Che vuol dire sì e no?”

“Beh… insomma, arrivo da una storia finita un paio di mesi fa.”

“Finita male?”

“Purtroppo.”

“Ti capisco.”

“Sul serio?”

“Ci sono passato pure io. Insomma, per me è una cosa normale: fa parte della mia vita, ormai. Ma tranquilla, passa tutto!”

Nel frattempo avevano raggiunto uno dei laghetti del parco. Cristina si sedette su una roccia accanto alla riva e osservò l’acqua. “Panta rei“, commentò.

“Come?”, chiese Marvin.

Panta rei. Tutto scorre. Eraclito.”

“Ah, sì… giusto!”

Lei rise. Lui le si sedette accanto. Dopo un po’ lei disse: “Sai che sei simpatico?”

“Credo di avere anche altre qualità”, rispose lui ammiccando.

“Per esempio?”

“So parlare con i rutti.”

“Scemo!”, e gli diede una pacca sulla spalla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

una famiglia che si mette in gioco

Portiamo il gioco da tavolo sul tavolo delle famiglie

Il sito di Stefania Fabri

Contro gli F.P. non ce la potrete fare

la tana dello sciamano

too rambley; didn't listen

Downtobaker

Voce del verbo leggere.

BurattiMatti

spettacoli di burattini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: